Dolci · Dolci · Ricette

Torta di Mele (Ferraresi) – dal 1956 ad oggi.

La felicità non si racconta. E’ come una torta di mele che si mangia fino all’ultima briciola rimasta sul tavolo prima di leccare la marmellata dorata che copre le dita.

–  Franz-Olivier Giesbert

img_4845

Autunno.

Stagione di foglie arancioni, rosse e gialle e di mele. Mele profumate degli stessi colori. Sono tornate, anche quest’anno.

Nel suo pieno splendore tra caldi colori e dolci frutti, come sempre questo periodo dell’anno per me significa soprattutto una cosa: torta di mele! Che sia uno strudel, una rovesciata, un muffin o qualsiasi altra cosa.. uno dei modi per utilizzare al meglio le mele è quello appunto di aggiungere farina, zucchero, spezie e piazzarle in forno.

tortadimele_sslIn questi giorni casa mia si è improvvisamente riempita di casse di mele, di ogni varietà e volendo utilizzarle al meglio, dato che sono alla perenne ricerca di nuove fonti di ispirazione, nuove idee e nuove ricette, sono incappata nel blog di ‘cavoletto di Bruxelles’ che propone questa torta ‘vintage’ tratta dalla rivista ‘La Cucina Italiana’ di febbraio del 1956. E’ una delle due versioni della Torta di Mele Ferraresi, inviate della signora Lucia Baimonti. Ad oggi sono passati 60 anni ma questa ricetta, come solo le migliori ricette del resto, è senza tempo: una coccola che accompagna i grigi pomeriggi accanto caminetto ed una tazza di thè.

 

 

img_4838

 

INGREDIENTI

  • mele 4
  • farina 180g
  • zucchero 150g
  • uova 2
  • burro 25g
  • 1/4 di bicchiere di latte (70 mL ca.)
  • scorza di 1/2 limone
  • mezza bustina di lievito per dolci

PROCEDIMENTO

Sbattere le uova con lo zucchero (io ho aggiunto un pizzico di sale) fino ad ottenere un composto spumoso e chiaro. Aggiungere poi la farina setacciata alternata al latte, la buccia grattugiata del limone e infine il lievito. Versare il tutto in uno stampo  rivestito con carta da forno. Sbucciare le mele e tagliarle a fettine (per non farle annerire ho versato sopra del succo di limone), poi disporle sulla superficie della torta. Cospargere la superficie con cucchiaio di zucchero di canna e aggiungere il burro a fiocchetti. Infornare a 170° per circa 50 minuti, o fino a quando non risulterà bella dorata.

Seguendo la ricetta di Sigrid  ho aggiunto anch’io la glassa. Per prepararla scaldare 2/3 cucchiai di spremuta di arancia, uno di liquore (io ho preferito Rum bianco), uno di miele e 2/3 di acqua, lasciar ridurre per due minuti a fuoco vivo e poi spennellare il tutto sulla torta ancora calda. Lasciar riposare un po’ prima di servire.

img_4914

Note: Io ho diminuito lo zucchero in quanto le mele che ho utilizzato erano già molto dolci. Invece di 150 g ho messo circa 110 g scarsi di zucchero di canna. Volendo si può inoltre diminuire o omettere la quantità di burro sulla superficie (per chi cerca una versione ‘più leggera’)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...